testata


Manifestazioni

I documentari “Made in Granda” protagonisti a Cherasco Movie 2014 Quattro appuntamenti in cartellone dal 27 febbraio al 27 marzo; ingresso gratuito.

Al via giovedì 27 febbraio 2014 la quinta edizione di “Cherasco Movie”, rassegna cinematografica benvenuto-mister-zimmermanorganizzata dal Presidio cinematografico di Cherasco di Piemonte Movie, Città di Cherasco, Cherasco Eventi   e dall'Associazione culturale "Evvivanoé".


Per un mese, fino al 27 marzo, sono in programma quattro serate-evento dedicate al mondo del documentario, con lavori realizzati in Provincia di Cuneo e/o da registi del territorio, che (come da “tradizione” della manifestazione) saranno presenti in sala per raccontare le loro opere e rispondere alle domande del pubblico.

 

Questo il calendario delle proiezioni, tutte a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti:

Giovedì 27 febbraio 2014
Enoteca Palazzo Mentone, via Vittorio Emanuele 120 – Cherasco (Cuneo), ore 21,15
Serata di presentazione della rassegna 2014, con proiezione di “Benvenuto Mister Zimmerman” (documentario, Italia, 2013, 26’) di Davide Mazzocco e Stefano Rogliatti: l’attesa e l’arrivo di Bob Dylan a Barolo per il festival Collisioni 2013.
Presenti i registi; introduce Alessandro Gaido, presidente di Piemonte Movie.

 

Giovedì 13 marzo 2014
Auditorium civico, via San Pietro 41 – Cherasco (Cuneo), ore 21
“Slow Food Story” (documentario, Italia, 2013, 74’), di  Stefano Sardo con Carlo Petrini: la nascita e la diffusione del movimento Slow Food attraverso la biografia del suo fondatore e leader carismatico e del gruppo di amici e collaboratori che l’ha accompagnato lungo questa avventura dall’impatto straordinario nel mondo della gastronomia e nella cultura del nostro tempo.
Proiezione abbinata al cortometraggio “Il debito del mare” (Italia, 2013, 14’) di Adil Tanani, vincitore dell’edizione 2013 del Piemonte Movie gLocal Film Festival.

 

Giovedì 20 marzo 2014
Auditorium civico, via San Pietro 41 – Cherasco (Cuneo), ore 21
“Vento” (documentario, Italia, 2013, 50’), di Stefano Scarafia, Paolo Casalis e Pino Pace: la ciclabile più lunga d’Italia vissuta per otto giorni, necessari a cinque progettisti del Politecnico di Milano per attraversare l’Italia settentrionale in bicicletta, seguendo il corso del fiume Po da Torino a Venezia.
Proiezione abbinata al cortometraggio “Carmine” (Italia, 2013, 15’) di Davide Luchino, vincitore della sezione Spazio Torino del Torino Film Festival 2013.

 

Giovedì 27 marzo 2014
Auditorium civico, via San Pietro 41 – Cherasco (Cuneo), ore 21
“Corpi in bilico” (documentario, Italia, 2013, 70’), prodotto da L’Aura – Scuola di cinema di Ostana, OffiCine e Arancia Film, da un’idea di Giorgio Diritti e Fredo Valla: una storia corale del lavoro/non lavoro giovanile in Italia, tra geografie e genealogie, grazie a sei “storie del vero” che portano il nome dei loro protagonisti, l’emozione della felicità e del disagio, la dignità e l’umiliazione, la creatività e l’isolamento attraverso faticosi percorsi quotidiani.

GIANNI PASCOLI Una vita d’artista Sguardi su paesaggi, musica, femminilità 1 -30 marzo 2014 – Cherasco, Palazzo Salmatoris

Riapre a inizio marzo la nuova stagione delle mostre a Palazzo Salmatoris di Cherasco (Cn).

Pascoli dipinge a CherascoLa prima rassegna in programma è del pittore Gianni Pascoli e avrà il titolo “Una vita d’artista. Sguardi su paesaggi, musica, femminilità”.

Nato a Savona, Gianni Pascoli vive e lavora a Cairo Montenotte (Sv). Friulano d’origine, ha frequentato l’Istituto d’Arte di Acqui Terme, poi l’Accademia di Firenze, terminando gli studi in quella di Brera. Ha sviluppato uno stile figurativo personale ed intenso, caratterizzato da valenze cromatiche particolari al punto da essere accostato al grande maestro Sassu in un’antologica allestita ad Alba nel 2010.
Ha ricevuto premi e riconoscimenti tra cui, nel 2008, il prestigioso premio “Anthia” per le arti figurative per la Liguria. È nella rosa degli artisti che hanno avuto l’onore di dipingere il Palio di Alba. Dal 2011 è uno dei pittori protagonisti dell’importante concorso nazionale “La modella per l’Arte”. Nel 2012 e 2013 è stato presente ad Arte Genova Mostra Mercato d’Arte Moderna e Contemporanea - Fiera di Genova.
Nella sua lunga carriera, ha esposto in numerose personali, collettive e fiere in Italia ed all’estero.
Il 2014 lo vedrà impegnato, oltre che nella bella cornice di Palazzo Salmatoris a Cherasco, in una personale alla Galleria Arianna Sartori di Mantova, in concomitanza con il Festival della Letteratura.

 

«Pascoli – ha scritto di lui Giuseppe Possa - ha sperimentato con successo varie tecniche, ceramica, incisione, affresco, pur conservando una predilezione per olio e acquarello. I suoi soggetti sono molteplici, variano e ritornano negli anni: interni con pianoforti o paesaggi sognati, figure femminili esaltate nella loro fisicità, fiori, nature morte o silenti e motociclette o automobili formidabili. Sempre, però, egli dà importanza più all’interno sentire che all’esterno vedere e la metamorfosi della realtà nasce da un’ispirazione fantastica; non diversamente delinea i volti dei raffigurati, molto spesso donne colte in un contesto di posture “contemplative”, in sensuali e sinuose linee estetiche».

 

La mostra cheraschese si potrà visitare dall’1 al 30 marzo 2014, il giovedì e venerdì dalle ore 14.30 alle 18.30 e il sabato e la domenica dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30.

Ingresso libero.

L’inaugurazione sarà sabato 1 marzo 2014 ore 17.00 nella sede della mostra, Palazzo Salmatoris.

Per info: ufficio turistico e Cherasco Eventi 0172427050, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Cherasco, 17 febbraio 2014

Per "Aspettando Collisioni" c'è Raffaele Morelli

morelli

 

ASPETTANDO COLLISIONI

 

in collaborazione con
Città di Cherasco, Banca di Credito Cooperativo di Cherasco, Gruppo Marachella, Bios Medicina Preventiva

 

presenta RAFFAELE MORELLI
IL SEGRETO DELL'AMORE FELICE

 

Mercoledì 19 Febbraio - ore 21,00
Monastero dei Somaschi
Via Nostra Signora del Popolo,9  - Cherasco

 

 
Necessaria la prenotazione scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 


In amore si soffre perché si resiste. Si soffre perché si vuole adattare questa forza cosmica agli schemi della vita comune. Ogni ragionamento, ogni paragone, ogni spiegazione, ogni progetto è lontano da Amore. Guardare l'amore con l'orologio in mano per vedere quando e dove arriva significa tradirlo. Significa soffrire. Il mal d'amore è sempre legato al nostro bisogno di controllare, gestire, possedere l'amore, portarlo nei nostri schemi, nelle vicissitudini della nostra storia, nei nostri progetti. Amore senza identità, senza storia, senza padri, madri, amici, senza opinioni, senza giudizi: queste sono le basi, i mattoni del buon Amore.

Nel nuovo appuntamento di Aspettando Collisioni a Cherasco Raffaele Morelli scardina i luoghi comuni sull'amore: non è vero che per amare gli altri devi prima amare te stesso. Che un rapporto "serio" dura per sempre. Che c'è un'età per amare (e che per te ormai è tardi). Non è vero che le occasioni perdute non ritornano più. Che in amore vince chi fugge. Che bisogna dimenticare il passato e ritornare insieme. Ma soprattutto non è vero che devi migliorare il tuo rapporto di coppia. Che devi cercare l'amore con la A maiuscola, aspettare il principe azzurro. Che devi capire che cosa ti ha fatto innamorare. Che, in generale, devi capire.

Una conferenza spiazzante, provocatoria, capace di donare, a chi saprà seguirne gli insegnamenti, il prezioso segreto dell'amore felice.

 


 INGRESSO GRATUITO

 


PRENOTARE SCRIVENDO A:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


Organizzazione:
Paola Eusebio 3383865001
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.collisioni.it

Una Città per Danzare 4° appuntamento con la performance “Dances Beneath the Oak/consequential movement” Teatro Salomone, domenica 23 febbraio 2014, ore 18

Nell'ambito di “Una Città per Danzare”, iniziativa promossa da "Cherasco Suite" e a cura di Consequential movementGraziella Zocchi, domenica 23 febbraio alle ore 18, presso il teatro comunale Salomone si svolgerà il quarto appuntamento aperto al pubblico.

In conclusione della quarta residenza di “Re.Cre.Che.”, Residenza Creativa Cherasco, progetto a cura di Francesco Dalmasso, gli artisti Annika Pannitto (Rotterdam, NL) e Elisa D'Amico (Arnhem, NL), presenteranno la performance “Dances Beneath the Oak/consequential movement”.
 
«Dances beneath the Oak – spiega Annika Pannitto - è un progetto coreografico che riguarda diversi momenti del corpo, stagioni che ruotano intorno alla presenza del corpo e alla sua fisicità in rapporto col tempo e con lo spazio. Ha lo scopo ultimo di costruire uno spazio condiviso per aprire una riflessione su chi siamo e come i nostri corpi possono suggerire e creare le condizioni per un cambio, per l’emersione di uno spazio altro. La visione di questo spazio non ha una connotazione unilaterale ma dipende dalla volontà e disponibilità di ognuno a essere mosso o a muoversi verso un altro luogo. Il mio lavoro ha a che fare col creare le condizioni perché questo movimento avvenga, per visualizzare lo spazio sotto la quercia dove i corpi si incontrano, collidono, si separano. Nell'ambito della residenza – continua la stessa - lavorerò con la danzatrice Elisa D'Amico per sviluppare un solo dove la danza incontra il video. Il progetto è infatti in collaborazione con la video maker olandese Kim Schonewille. L'idea principale è di condurre uno studio sulla relazione tra il corpo in movimento e la macchina da presa per offrire al pubblico una visione "multipla". Lo spettatore "viaggia" intorno al corpo senza muoversi, innescando una danza dello sguardo che diventa un movimento interno, quasi una vertigine. Ci interessa mettere nello stesso spazio il corpo reale e il corpo sullo schermo, evidenziando dettagli nascosti, svelando il movimento per generare una visione senza veli. Il processo e il risultato finale si fondono per generare una danza che si costruisce e si completa nel presente e genera uno spazio condiviso con il pubblico». 

 

"Dances Beneath the Oak/consequential movement" è il quarto di una serie di appuntamenti, che è stato possibile organizzare grazie alla disponibilità e al prezioso supporto dell'Amministrazione comunale.

 

La performance sarà ad ingresso gratuito, seguirà un incontro con gli artisti. Per concludere ci sarà un rinfresco gentilmente offerto da La Dolce Arte - Racca.

 

Cherasco, 17 febbraio 2014

CHERASCO S’ILLUMINA DI MENO Venerdì 14 febbraio 2014 dalle ore 18

Cherasco, venerdì 14 febbraio 2014, aderisce alla giornata nazionale del risparmio energetico Milluminodimeno14-febbraio-2014promossa dalla trasmissione radiofonica “Caterpillar” di Rai Radio 2 “M’illumino di meno”.Si tratta di un'iniziativa simbolica, finalizzata a sensibilizzare al risparmio energetico, che fu lanciata nel 2005 dalla trasmissione Caterpillar di Radio2Rai.


Prende il nome dai celebri versi di “Mattina” di Giuseppe Ungaretti ("M'illumino / d'immenso"), ed è organizzata intorno al 16 febbraio, giorno in cui ricorre l'entrata in vigore del Protocollo di Kyoto (il trattato internazionale in materia ambientale riguardante il riscaldamento globale sottoscritto dalla città giapponese insieme a 160 paesi del Mondo).

La campagna, lanciata a livello nazionale dai microfoni di Radio2Rai, invita a ridurre al minimo il consumo energetico, spegnendo il maggior numero di dispositivi elettrici non indispensabili: inizialmente rivolta ai soli cittadini, è stata accolta con successo dapprima a livello locale, con adesioni da parte dei singoli Comuni, ed in seguito dalla Presidenza del Consiglio dei ministri con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente.

 

La Città delle Paci, venerdì 14, vivrà una serata “diversamente illuminata”, il programma prevede:

•    ore 19,30 - spegnimento dell'illuminazione pubblica e delle vetrine dei negozi nel centro storico; accensione delle torce nelle vie principali e nella piazza del Municipio;
•    ore 20,45 - inaugurazione nella chiesa di San Gregorio della mostra "gli antenati: i primi (elettro)domestici"
•    ore 21,30 presso l'enoteca di Palazzo Mentone degustazione di prodotti tipici a lume di candela.

 

Anche i locali cheraschesi subiranno il fascino della Città al buio. Durante la serata alcuni esercizi hanno aderito all’iniziativa: l’OSTERIA LA TORRE, l’OSTERIA LA ROSA ROSSA, l’OSTERIA LA LUMACA l’OSTERIA UMBERTO, il RISTORANTE VITTORIO VENETO, LA LIMONAIA e la ZUPPERIA COSA BOLLE IN PENTOLA.

 

Anche EVVIVANOÉ, galleria d’arte, partecipa alla manifestazione creando dalle ore 18 un allestimento con le opere di Elena Mirandola e Galliano Gallo illuminato esclusivamente con tante candele.

«La mostra – spiega Sara Merlino di evvivanoè - è allestita in contemporanea anche all'Enoteca di Palazzo Mentone. Il titolo dell’evento sarà “Art loves Earth: una mostra a lume di candela” e gioca sul doppio significato della giornata del 14 febbraio: giornata del risparmio energetico e San Valentino. Quest’anno infatti Caterpillar festeggia il decennale dell’iniziativa e invita i musei a mostrare simbolicamente il proprio amore per il Pianeta spegnendo le luci su un proprio capolavoro: “Evvivanoé” è un piccolo spazio di arte contemporanea e ama profondamente la Terra, quindi non può che aderire all’iniziativa con entusiasmo.  Proviamo a guardare l’arte da un altro punto di vista, per esempio alla luce di tante piccole candele».
Per l’occasione, a partire dalle 18, gli artisti Elena MIRANDOLA e Galliano GALLO daranno vita a una divertente performance  in cui eseguiranno piccoli lavori artistici “su ordinazione” in tema con San Valentino, pret à porter per i visitatori della mostra. Il tutto naturalmente a lume di candela!

 

«M’illumino di meno, ormai giunta alla decima edizione, vuole essere un momento di riflessione sull’uso dell’energia nelle sue svariate forme – dice Bruno Tibaldi presidente della commissione ambiente - ma soprattutto un invito al cambiamento delle nostre abitudini e all’uso di energie rinnovabili. L’utilizzo intelligente dell’illuminazione, degli elettrodomestici e dei mezzi di trasporto, crea risparmio energetico che potrà portare ad un miglioramento delle condizioni ambientali di tutto il Pianeta, soprattutto per le generazioni future, come ci ricorda un antico proverbio pellerossa: “Non abbiamo ereditato la terra dai nostri padri ma l’abbiamo presa in prestito dai nostri figli”».

 

Cherasco, 4 febbraio 2014