Diario

Logo Citt di Cherasco

Con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 29 novembre 2018 è stato approvato il Regolamento per la tutela e valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali locali,

per maggiori informazioni clicca qui

 Continua il trend positivo per Cherasco sul fronte demografico. A dirlo sono i numeri: la Città delle Paci al 31 dicembre 2018 contava 9.290 abitanti, 66 unità in più rispetto all’anno precedente.
L’aumenPiazzaComunale2to di abitanti viene registrato sia nel capoluogo, dove si passa da 3.706 a 3.752, che nelle frazioni. Moglia Isorella Fraschetta passano da 266 a 275, Oltre Tanaro da 473 a 483, Piana da 239 a 241. Stabile San Giovanni con 326 residenti. Per quanto riguarda l’Oltre Stura ad aumentare è soprattutto la popolazione a Bricco che ha oggi 1.093 abitanti contro i 1.072 di inizio 2018. Perdono invece la popolosa Roreto che scende da 2.268 a 2.253 e Veglia da 392 a 385. Stabile la popolazione di Cappellazzo con 482 unità.


Le nascite sono state 78. L’anno precedente i nati erano stati 85.


In aumento  la popolazione straniera: 928 unità rispetto alle 916 del 1 gennaio 2018. Il segno più arriva anche dalla differenza tra chi ha scelto come nuova residenza Cherasco (414) rispetto a chi invece è emigrato (326). Tredici sono gli stranieri che durante il 2018 hanno acquisito la cittadinanza italiana. L’anno precedente erano stati 16 i nuovi italiani.


I matrimoni civili hanno superato quelli religiosi. In Municipio si sono uniti in matrimonio 18 residenti e 4 non residenti, mentre hanno scelto il rito religioso 11 cheraschesi e 7 non residenti. Un dato difforme da quello del 2017 dove i matrimoni civili erano stati 24 contro i 25 religiosi. Durante l’anno che si è appena concluso sono state celebrate anche 4 unioni civili, contro una sola del 2017.

“I dati positivi sul numero dei residenti – commenta il vicesindaco Carlo Davico, che ha delega all’Anagrafe – confermano una buona qualità della vita sul territorio cheraschese, sia nel capoluogo che nelle frazioni. L’aumento di popolazione deve essere accompagnato da un adeguamento dei servizi. Tante sono le nuove famiglie con bambini e questo porta soprattutto una riflessione sul settore della scuola e dei servizi per l’infanzia. La necessità di adeguare i servizi scolastici ha portato in questi anni a rivedere soprattutto i plessi che ospitano le scuole. Sono stati effettuati lavori per ampliare gli edifici, ma è stata anche realizzata una nuova scuola dell’infanzia a Bricco, la frazione dell’Oltre Stura che registra l’aumento più significativo di popolazione. Qui verrà presto realizzata anche la nuova scuola elementare.  Anche il capoluogo necessita di un nuovo plesso ed è già in via di ultimazione l’iter per la scuola elementare. Sempre nel capoluogo è in fase di costruzione la nuova palestra comunale, più grande e funzionale rispetto alle esigenze di una popolazione in continuo aumento. Sul fronte sociale l’attenzione dell’Amministrazione è sempre alta, andando ad intervenire con adeguati servizi alle famiglie. - Conclude Davico - Ad incidere sull’andamento di popolazione è anche la presenza di attività produttive e commerciali, da quelle più longeve ai nuovi insediamenti, che garantiscono lavoro e permettono a tanti cittadini di non dover abbandonare la propria città per cercare occupazione altrove”.

 

Cherasco, 3 gennaio 2019

 


logo cherasco per sito

 

Oltrestura

La raccolta della carta nell’Oltrestura mercoledì 26 dicembre sarà anticipata a partire dalle ore 6.oo del mattino (non al pomeriggio).


Capoluogo

La racconta della R.S.U. dei giorni di Natale e Capodanno a Cherasco Capoluogo verrà posticipata nel giorni di mercoledì 26 dicembre e mercoledì 2 gennaio.

 

 

Cherasco, 18 dicembre 2018

Quando si avvicina la fine dell'anno è momento non solo di fare gli auguri per il prossimo inizio, ma anche per riguardare il periodo trascorso e fare un bilancio.
Claudio Bogetti primo pianoNel 2018 i pesanti tagli delle entrate statali si sono fatti ancora sentire sul bilancio comunale. Nonostante questo però siamo riusciti a fare investimenti e fornire servizi mantenendo invariate le tariffe. Non è stato un anno di grandi opere pubbliche in città, già realizzate nei periodi precedenti, ma di interventi mirati a migliorare la qualità della vita in città e nelle frazioni.
È comunque partita la costruzione della nuova palestra comunale, intervento reso possibile da una sinergia con una importante azienda del territorio. Si è continuato a lavorare per la circonvallazione, il cui iter lungo e faticoso, sta procedendo. Quotidianamente siamo impegnati nel portare avanti questo progetto che, tra infiniti passaggi burocratici, indipendenti dalle competenze comunali, auspichiamo trovi presto la sua realizzazione essendo arrivato finalmente alla fine della progettazione esecutiva. Un altro punto che è stato all'ordine del giorno e che ha visto Cherasco luogo di incontro del territorio è l'autostrada Asti-Cuneo. La preoccupazione arrivata a luglio dalle dichiarazioni del ministro Toninelli ha portato ad una mobilitazione generale che è arrivata anche a Roma. Sono andati avanti altri progetti importanti come le due nuove scuole, nel capoluogo e a Bricco, così come la progettazione del consolidamento della torre civica.
L'Amministrazione anche quest'anno è stata attenta al sociale, al mondo del volontariato, allo sport e al turismo. Sul fronte della viabilità due opere strategiche del territorio hanno caratterizzato la seconda parte dell'anno: l'ampliamento di parte della provinciale 661 nel tratto braidese e la messa in sicurezza del Bergoglio, opere attese da tempo. Quando si aprono cantieri così importanti il disagio per la viabilità è da mettere in conto, tuttavia abbiamo riscontrato grande pazienza e accettazione da parte dei cittadini, consci che questi lavori permetteranno di viaggiare meglio già da inizio 2019.
Nonostante il periodo di crisi, Cherasco resta comunque appetibile, altre aziende  prestigiose hanno scelto di insediarsi sul nostro territorio, le più rappresentative per il 2018 solo state Panealba e Alcyon.
Questo dicembre 2018 è però anche un anno particolare per l'Amministrazione con cui governo la città: il prossimo anno infatti scadrà il mio secondo mandato. È tempo quindi anche di un bilancio di questi dieci anni da sindaco. Non sarebbe possibile in poche righe ripercorrere questo periodo, tuttavia un bilancio complessivo mi porta a dire che tanto è stato realizzato. Il programma con cui ci siamo presentati agli elettori lo abbiamo portato a termine. Ci sono ancora alcuni tasselli mancanti, ma in questi anni abbiamo lavorato affinché il mosaico possa completarsi al più presto. Sono stati anni difficili dal punto di vista economico, caratterizzati da una crisi generale che ha visto la chiusura di alcuni poli produttivi, licenziamenti, cassa integrazione, tagli statali. Ma ritengo che il nostro territorio abbia saputo reagire alla crisi, aprendo nuove opportunità, guardando al futuro, non piangendosi addosso ma rimboccandosi le maniche per cercare nuove strade.
È con questo messaggio che sottolinea fiducia e speranza che voglio augurare un Buon Natale e un sereno 2019 a tutti i cheraschesi, sicuro che sapranno affrontare anche le future sfide senza arrendersi,  ma con il coraggio e la determinazione che da sempre caratterizza questa nostra terra.
              

 

Claudio Bogetti

Sindaco di Cherasco
 

Home - Comune di Cherasco - Via Vittorio Emanuele 79, 12062 Cherasco (CN) - PIVA 00478570047

Email URP: urp@comune.cherasco.cn.it - Posta Elettronica Certificata: cherasco@postemailcertificata.it

Email D.O.P.: matteo.odasso@outlook.com - Posta Elettronica Certificata D.P.O.: matteo.odasso@pec.it

Ulteriori Dati D.P.O.: Responsabile della protezione dei dati (D.P.O.) Dott. Matteo Odasso

Privacy Policy