Stampa

Tra gli appuntamenti clou la mostra di Pablo Picasso e i Grandi Mercati dell’Antiquariato e del Collezionismo


Cherasco, città d’arte, storia, cultura ed enogastronomia, anche per il 2019 propone un calendario di eventi per tutti i gusti e le età. Non mancheranno gli appuntamenti più tradizionali, le mostre, le feste patronali, ma ci sono anche alcune novità.

La Primavera tra fiori, vino e musei
Si inizia il 23 marzo con uno dei momenti che da anni celebra l’arrivo della Primavera: al Palaexpo di piazza degli Alpini l’omaggio alla bella stagione sarà con la danza, la poesia, i canti sabato 23 marzo.
Museo Adriani moneteIl 25 aprile il Museo della Magia, una delle proposte d’eccellenza della Città delle Paci, compie sei anni e festeggia con un grande appuntamento in odor di illusionismo.
Cherasco è uno degli undici Comuni del Barolo. Nel suggestivo scenario dell’Antico Orto dei Padri Somaschi, sabato 27 aprile si parla proprio del re dei vini con l’anteprima “Barolo di Cherasco e del Versante Occidentale -  Vendemmia 2015”. Ogni vendemmia è unica, così come il vino che ne scaturisce. L’appuntamento di aprile offre la possibilità di scoprire quella del 2015 con informazioni ma anche degustazioni guidate.
Un altro appuntamento ormai entrato nel calendario da anni è quello della sera del 27 aprile con La notte dei musei, la possibilità quindi di visitare le belle e ricche collezioni cheraschesi che riportano a tempi lontani, facendo riscoprire aspetti di storia ormai dimenticati.
La primavera è colori, fiori, profumi: anche per il 2019 il parco del Castello Visconteo aprirà le porte per la settima edizione di “Nel giardino del castello”, la mostra-mercato di fiori. L’appuntamento è per sabato 27 e domenica 28 aprile, giorno in cui si potranno visitare anche i bei giardini del centro storico.

Motori rombanti, nocciolo e storia per il mese di maggio
Il 5 maggio  è dedicato all’antica festa patronale del Cristo Risorto con gli appuntamenti religiosi, la processione per le vie del centro e la fiera zootecnica in piazza degli Alpini.
Si torna al castello Visconteo sabato 11 maggio con il Premio Nazionale Cherasco Storia che ogni anno assegna due importanti riconoscimenti.
Sempre sabato 11 maggio ci sarà il raduno di auto storiche “X Premio Castello degli Acaja” che farà tappa all’ombra del maestoso Arco del Belvedere.
Cherasco da anni ospita un importante convegno sul nocciolo e sugli aspetti legati alla corilicoltura: sarà il 18 maggio al Palaexpo.
Il 19 maggio Moto Guzzi e Gilera “sfidano” le moto d’epoca, la diciassettesima edizione del raduno organizzato da “Ruote d’epoca Cherasco”.

La rana protagonsita nel giugno roretese
Giugno inizia a Roreto, sabato 1, con il Party della Rana in attesa del 3° Festival che si svolgerà nel 2020. L’appuntamento è in piazza per degustare deliziose rane, ma anche altri prodotti del territorio, ascoltando buona musica e alzando gli occhi al cielo per ammirare i fuochi d’artificio. Sempre a Roreto domenica 2 giugno rombano i motori per il Tour delle Ruote d’Epoca del gusto nelle frazioni. Partendo da Roreto si raggiungono le altre frazioni dell’Oltrestura (Bricco, Cappellazzo, Veglia) e ad ogni tappa verrà servito un piatto della tradizione.
Il 2 giugno tutti in sella nel centro storico per “Famiglie in bicicletta”: pedalando si raggiungerà località Corno.
Il 29 giugno si festeggia San Pietro: nella parrocchiale del capoluogo ci sarà il concerto.

Dalla Sibla ai motori per l’estate cheraschese
La Sibla, la festa popolare nata in tempi lontani nel quartiere Barbacana, poi diventato appuntamento sentito da tutta la città, torna il 30 giugno e  1 luglio, due serate all’insegna del buon cibo, tanta musica e divertimento.
Il grande schermo affascina grandi e piccoli e se questo è all’aperto è ancora più suggestivo. Nel cortile di Palazzo Gotti di Salerano dal 5 luglio al 9 agosto, al venerdì sera, si potranno apprezzare film per tutti i gusti con la rassegna “Cinema all’aperto”.
Il 13 luglio è il momento giovane con Cherasco Young Festival, mentre il 16 luglio la sveglia suona presto al mattino. Dall’arco di Porta Narzole parte la quarta edizione di 6: di Cherasco, la corsa podistica non competitiva di 5 km che fa sgranchire le gambe per iniziare bene la giornata.
La musica è protagonista giovedì 18 luglio: nel cortile di Palazzo Gotti di Salerano torna “Suoni dalle colline di Langhe e Roreto Alba Music Festival”.
Tornano a rombare i motori il 27 luglio per il “Rally d’Alba 2019 a Cherasco”, competizione valida per il Campionato Italiano WRC. Ancora motori rombanti dal 29 agosto al 1° settembre con “8 delle Langhe”, il raduno motociclistico con moto storiche che da 4 anni viene dedicato a Dario Sebaste. Le moto partono ogni mattina da Cherasco per un tour nella Granda.

La danza apre settembre che termina con le chiocciole
Ancora l’arco del Belvedere farà da sfondo venerdì 13 settembre alle emozionanti performance di “Danza sotto l’arco”.
Sabato 14 settembre una novità arriva a Roreto: per tutta la giornata ci sarà il Mercatino Vip da Forte dei Marmi.
L’affascinante mondo della magia e dell’illusionismo torna ad incantare il 14 e 15 settembre con l’8° Festival della Magia e della Solidarietà.
Sport in piazza è l’evento che permette di conoscere le tante discipline sportive presenti sul territorio, da quelle più note ad altre meno conosciute. I ragazzi potranno provare direttamente tutti gli sport, in  un clima di amicizia e divertimento. L’appuntamento del 2019 è sabato 21 settembre sulla piazza di Roreto.
Inaugurata alcuni anni fa in cima alla salita vecchia, l’area “Amici di zampa” è luogo privilegiato per portare a spasso il proprio cane, giocare con lui, rilassarsi in un ambiente accogliente e protetto. L’area “Amici di Zampa” vedrà domenica 22 settembre il ritorno di “Una giornata dedicata agli amici a 4 zampe” dove saranno presenti esperti che potranno dare utili suggerimenti per la cura del proprio cane. Si potrà anche assistere ad interessanti performance di cani particolari.
Il 27 settembre la città celebra una delle sue eccellenze gastronomiche, la chiocciola con il 48° incontro internazionale di elicicoltura e il 14° festival della chiocciola in cucina. Saranno quattro giorni di convegni, laboratori didattici, degustazioni, riflessioni sulle metodologie di allevamento e di sviluppo commerciale del settore.
Ancora musica il 5 ottobre nella chiesa di Sant’Agostino con il concerto in onore della Madonna del Rosario.

La città compie 774 anni e guarda al 2020 con il calendario naturalistico
Motori accesi e si parte alla volta delle strade delle Langhe il 20 ottobre con la 17° edizione di “Alfa Romeo Giulia e Lancia Fulvia sfidano le auto d’epoca”.
A novembre si celebra una data importante, il compleanno della città che festeggia 774 anni. Sarà occasione per rivivere la fondazione della città, il suo antico passato, ma anche il presente, con il conferimento del premio “Cheraschese dell’anno”. Ogni anno viene infatti conferito questo riconoscimento ad una persona che si sia distinta nella società a favore della comunità.
Anche il 2020 avrà il suo calendario naturalistico. La presentazione sarà mercoledì 11 dicembre all’auditorium della Banca di Cherasco dove, oltre a presentare le belle immagini che accompagneranno il 2020 nelle case dei cheraschesi, saranno premiati i vincitori del concorso di disegno naturalistico.
Il 14 dicembre a calcare il palco del teatro Salomone sarà l’associazione Harold Haupwood che ogni anno propone divertenti performance per tutti.
«È un calendario ricco – commenta l’assessore alle Manifestazioni Marella Fumero – che vuole dare spazio a tutti. Ci sono appuntamenti di ogni tipo, per gli amanti della musica ma anche per chi vuole conoscere i prodotti enogastronomici del territorio, per chi ama gli animali e la natura. Tanti sono appuntamenti ormai entrati nella tradizione cheraschese, ma anche in questi eventi c’è sempre qualcosa di nuovo,  che rende l’appuntamento unico, ma ripetitivo».

I Vespri in musica a San Martino
Nella bella chiesa di San Martino dal 2010 è tornato a far sentire le sue dolci note l’organo “Pierino Regis”. Anche per il 2019 sono in programma alcuni momenti musicali con la rassegna “La voce ritrovata” che giunge alla sua 9° edizione. L’organo, restaurato da privati alcuni anni fa, è opera dell’organaro Pierino Regis e fu costruito durante l’ultima guerra mondiale, collaudato con un concerto inaugurale il 24 ottobre 1943. Gli appuntamenti in San Martino saranno venerdì 24 maggio alle 21 con i Vespri in musica, seguiranno sabato 6 luglio e sabato 14 settembre.

Gli storici grandi mercati dell’antiquariato e del collezionismo
Una delle novità del 2019 riguarda i mercati dell’antiquariato e del collezionismo, tra gli appuntamenti più partecipati e che attirano in città visitatori anche da oltre confine. Abbandonati i mercati a tema, nel 2019 saranno tutti grandi mercato 2012mercati dove si potranno trovare oggetti di ogni tipo, tutti rigorosamente selezionati e provenienti dal passato. Il primo appuntamento sarà domenica 14 aprile, si prosegue il 12 maggio, 9 giugno, 8 settembre, 13 ottobre, 8 dicembre. Domenica 10 novembre resta Cherasco Natura che giunge alla sua 23° edizione. È il mercato dei prodotti agroalimentari di qualità, biologici e artigianali che si accompagna alla 13° edizione del Mercato del cioccolato d’autore.
«Abbiamo fatto questa scelta coraggiosa – continua Fumero – di cambiare, di abolire i mercati a tema per offrire al visitatore un evento di grande portata. Così in ogni appuntamento si potranno trovare dai mobili antichi alle ceramiche, dai libri alle stoffe, dagli arnesi da lavoro ai giocattoli. Non cambia però la qualità dei nostri mercati dove gli espositori, tanti ormai affezionati alle nostre vie del centro, sono selezionati perché vogliamo offrire solo il meglio. Uno dei segreti del successo dei nostri mercati è l’assenza assoluta di mezzi nelle vie del centro storico dove si svolge il mercato: anche gli espositori, che arrivano di primo mattino, dopo aver completato le loro bancarelle, portano i mezzi negli appositi parcheggi, lasciando così il centro completamente pedonale».  

Le mostre: da San Gregorio alle storiche sale di palazzo Salmatoris che accoglierà Picasso
Le suggestive sale di palazzo Salmatoris, note per la firma dell’armistizio napoleonico ma anche per aver accolto la Sacra Sindone, accoglieranno anche per il 2019 importanti esposizioni artistiche. Fino al 24 marzo è visitabile, ad ingresso libero, “Il tempo sulle colline” di Beppe Gallo. Si prosegue con “Boom!”, il racconto in mostra dell’Italia dal 1950 al 1966, un viaggio in un passato recente, suggestivo e che torna alla memoria con tutti i suoi simboli, la sua musica, i personaggi. La mostra aprirà i battenti il 6 aprile.
Dal 29 giugno le antiche sale ospiteranno le tele di Carlo Giuliano per l’esposizione “Luci e Ombre”.
Per la mostra di fine anno è stato scelto uno dei più grandi artisti del Novecento, uno dei più influenti e rivoluzionari pittori di tutta la storia dell’arte, Pablo Picasso. picassoDal 12 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020 sarà il protagonista del palazzo, accanto a opere di artisti che hanno operato contemporaneamente a lui o nei decenni successivi. Il 12 ottobre, in occasione dell’inaugurazione, al teatro Salomone ci sarà anche il concerto jazz “Omaggio a Pablo Picasso” con Luigi Martinale.
Dopo i lavori di risanamento, ha riaperto i battenti la chiesa di San Gregorio che ospiterà durante l’anno diverse esposizioni: dal 13 aprile ci sarà Angelica Dass con “Humanae”, seguirà a giugno Paola Capellino con “Apparenze asimmetriche”, quindi Lorenzo Grosso e Susanna Chiaraviglio con “Tele e porcellane” a luglio, “Paesaggi e colori di Langa” di Giovanna Sardo ad agosto e poi Serena Racca con “Venti contrapposti” a settembre. In odor di Cherasco e dintorni la mostra che aprirà i battenti il 5 ottobre, “Suoni, immagini e profumi dal territorio Unesco di Langhe Roero e Monferrato” proposta da Stefania Rossi con la sua Acqua di Cherasco.
Tornano il 26 ottobre le Desperate Housewives con “Il MaMA, da Manta a Madrid, 600 anni di falsi d’autore”.
Dall’8 al 22 dicembre la chiesa ospiterà la mostra dei disegni partecipanti al 7° concorso nazionale naturalistico.
Un appuntamento particolare sarà quello dell’8 giugno al Museo Adriani con l’apertura della mostra e la presentazione della donazione numismatica “Paola e Aureliano Bertone” che arricchisce la già nutrita esposizione.
«Le mostre sono uno dei richiami più importanti per la nostra città. – spiega l’assessore Fumero – Abbiamo due sedi espositive molto belle e suggestive, come la Chiesa di San Gregorio e l’antico Palazzo Salmatoris. Come per i mercati dell’antiquariato, anche nel caso delle mostre riceviamo tantissime richieste di artisti. Vengono valutate attentamente in quanto riteniamo fondamentale offrire al visitatore la qualità. Quest’anno abbiamo scelto di chiudere il calendario con la mostra di Picasso, una scelta impegnativa, ambiziosa che si inserisce in questo percorso di ricerca dell’offerta di qualità. Picasso è artista universalmente riconosciuto, che ha saputo rappresentare una fonte inesauribile di idee e creatività che hanno lasciato il segno su molti artisti venuti dopo di lui. È per Cherasco un orgoglio poter aprire questa mostra, che ben si sposa con la vocazione artistica della città».  



Cherasco, 7 marzo 2019