Manifestazioni

"Moro doveva essere tutelato. Una semplice lettura combinata dei documenti programmatici delle Brigate rosse e delle informative che provenivano dal Medio Oriente avrebbero consentito di individuare una specifica necessità di tutelare Aldo Morola persona dell'onorevole Moro con le massime misure di sicurezza". È quanto scrive la commissione parlamentare d'inchiesta sul rapimento e morte dell'ex leader della Dc nella terza relazione presentata nel dicembre scorso.
Aldo Moro fu sequestrato il 16 marzo 1978 a Roma. Il suo corpo senza vita fu ritrovato il 9 maggio successivo in via Caetani, nel centro della capitale. Ma quanti lati oscuri ci sono ancora in questa vicenda che scosse l'Italia a fine anni Settanta?


Sabato 24 novembre 2018 alle 15,30 all'auditorium di via San Pietro a Cherasco si parlerà di "Aldo Moro: dalle lettere della prigione del popolo alla scoperta dei mandanti".


In cattedra saliranno l'onorevole Federico Fornaro, membro della commissione parlamentare d'inchiesta, il dottor Luciano Tarditi, sostituto procuratore e l'avvocato Pierpaolo Berardi. A leggere le lettere sarà Sveva Bertini.

L'ingresso è libero.

 


Cherasco, 16 novembre 2018

Dopo la "Cena Rossiniana" inserita nella rassegna "Uto Ughi e la Santità Sconosciuta", Cherasco offre un altro appuntamento per ricordare Gioacchino Rossini nel 150° anniversario della sua scomparsa.

Gioacchino RossiniLa "Serata Rossini", organizzata dal Circolo Culturale Eureka, sarà venerdì 16 novembre 2018 nella sala consiliare del Comune di Cherasco alle 20,45.

Strumentista, orchestratore, compositore, cuoco e gourmet, celebrità di fama mondiale, ma anche fragile vittima di disturbi di carattere nervoso, impossibile descrivere questo straordinario personaggio in poche parole. Nella serata del 16 novembre sarà disegnato un ritratto poco convenzionale ed il più possibile sfaccettato del musicista pesarese che ha profondamente innovato non soltanto la scena teatrale euroepa ma l'intero mondo dell'opera ottocentesca e più in generale il panorama musicale che dal Settecento si apprestava ad entrare nella multiforme epoca romantica. Si ascolteranno estratti delle composizioni rossiniane più famose, accanto a pezzi meno noti ma altrettanto coinvolgenti, suonati da insegnanti ed allievi del Circolo Eureka ed introdotti da note musicologiche di guida all'ascolto a cura della professoressa Ilaria Castellazzi.

Sarà quindi una serata ricca non solo di musica, ma di particolari, personaggi, atmosfere, un vero viaggio alla scoperta o riscoperta di aspetti noti e meno noti del mondo rossiniano.

L'ingresso è gratuito.

 

 

Cherasco, 13 novembre 2018

Cerimonia di consegna del premio sabato 10 novembre durante la festa per il 775° Compleanno della città


Il “Cheraschese dell'anno 2018” è don Silvio Mantelli, mago Sales. Lo ha deciso l'Amministrazione comunale che ogni anno, in occasione del Compleanno della Città, consegna il riconoscimento ad un cittadino che si è distinto per Mago Salesl'impegno a favore della comunità, in vari settori, dall'occupazione allo sport, dal sociale alla promozione turistica.


Don Silvio, classe 1944, è un sacerdote salesiano e ama definirsi “prete per vocazione e mago per passione”. Attraverso le missioni salesiane è stato in oltre 25 paesi dell'Africa, delle Americhe e dell'Asia con centinaia di spettacoli ogni anno, portando avanti importanti progetti che utilizzano il divertimento, il gioco, la prestidigitazione per promuovere la pace e togliere le armi dalle mani soprattutto dei più piccoli. Tra le sue iniziative, quelle del disarmo dei bambini promossa attraverso uno scambio simbolico: una bacchetta magica in cambio delle armi giocattolo. Mago Sales è stato maestro di Arturo Brachetti e altri artisti del campo “magico”.
Il 27 aprile 2012 ha inaugurato a Cherasco il “Museo della Magia”, meta ogni anno di migliaia di visitatori, recuperando i locali dell'ex asilo infantile della città.

«Abbiamo scelto don Silvio – spiega il sindaco Claudio Bogetti – sia per il suo impegno quotidiano a favore dei bambini che per aver scelto Cherasco come sede della sua fondazione e aver dato vita a quello che oggi è il Museo della Magia più grande d'Europa. Soprattutto nei fine settimana il Museo è meta di tantissime famiglie ed è uno dei fiori all'occhiello della proposta turistica della nostra città. Cherasco, grazie a mago Sales, in occasione di vari eventi legati al Museo ospita in città artisti di alto livello nel mondo dell'illusionismo. Quest'anno, in occasione del quinto compleanno della struttura di via Cavour, illusionisti del calibro di Brachetti, Mago Forest, Silvan, Binarelli e altri ancora sono stati a Cherasco deliziando il pubblico con spettacoli straordinari. Con questo riconoscimento vogliamo ringraziare don Silvio per quanto fatto per la città ma anche per esprimere il nostro plauso per il suo impegno missionario che ha saputo regalare sorrisi a tanti bimbi nel mondo. Il premio vuole essere anche un ringraziamento a tutti coloro che collaborano con don Silvio».


La consegna del riconoscimento sarà durante la festa di compleanno di Cherasco, che compie 775 anni. L'appuntamento è per sabato 10 novembre 2018 alle 21 al teatro Salomone. L'ingresso è libero.  

 



Cherasco, 25 ottobre 2018

Domenica 11 novembre 2018 torna nella Città delle Paci “Cherasco Natura”, il mercato dei prodotti agroalimentari di qualità e prodotti biologici, un appuntamento con le eccellenze della terra e non solo che giunge alla sua 21° Cherasco naturaedizione. Sotto i portici di palazzo Mantica va in scena il 12° Mercato del cioccolato d’autore.

«Cherasco Natura – spiega l’assessore alle Manifestazioni Marella Fumero – è il mercato che viene organizzato in concomitanza alla tradizionale fiera di San Martino ed è dedicato ai prodotti del territorio, all’insegna della tradizione e della genuinità. Filo conduttore della rassegna è la qualità e l’attenzione, in tutta la filiera, di tecniche rispettose della salute e dell’ambiente».

In via Cavour si trova il mercato dei prodotti biologici, dove sarà possibile trovare svariati generi alimentari, prodotti cosmetici, per l’igiene, detergenti per la pulizia. Lungo via Vittorio Emanuele ci sono poi banchi con ortaggi e frutta di stagione, pasta, biscotti, pane e farine, prodotti caseari, salumi, marmellate e conserve, mieli, oli, spezie, erbe officinali, cosmetici, articoli artigianali.
Un settore più dolce è invece sotto gli antichi portici di Palazzo Mantica dove va protagonista assoluto è il cioccolato. Saranno presenti i migliori produttori italiani del settore.

Il pomeriggio la passeggiata tra le bancarelle sarà allietata da musica e balli con il gruppo di musica occitana Mendìe.

«Prestare attenzione a ciò che mangiamo – continua l’assessore – è importante e dobbiamo diventare sempre più consumatori consapevoli. Il mercato di novembre, oltre ad essere occasione per trascorrere una bella domenica all’aperto, nel nostro centro storico, vuole puntare proprio sull’importanza del consumo di prodotti genuini, che rispettino l’ambiente. Grazie agli imprenditori agricoli che si impegnano ogni giorno sul campo, possiamo avere prodotti straordinari, vere eccellenze, garantiti in tutta la filiera».

Nel mercato troveranno spazio i prodotti di Fattoria Amica di Coldiretti Cuneo, un consorzio sorto allo scopo di accrescere la fiducia nei prodotti della terra e sviluppare un’azione di sostegno del territorio rurale, delle sue produzioni, attraverso la vendita diretta.

Conclude Fumero: «Sarà quindi una giornata all’insegna della qualità, della genuinità ma anche del divertimento, con la coinvolgente musica occitana».

Per tutta la giornata il centro storico sarà interdetto alle auto. Comodi parcheggi si trovano a pochi passi dal mercato. A disposizione anche un’ampia area camper attrezzata.

 



Cherasco, 30 novembre 2018

Cherasco celebrerà degnamente il Centenario della Prima Guerra Mondiale 1915-1918 con una mostra nella chiesa di San Gregorio, riaperta al pubblico dopo i lavori di restauro. In esposizione ci saranno immagini, documenti, oggetti cerimonia 4 Novembre 2017legati al periodo storico della Grande Guerra, un capitolo drammatico che costò la vita a 217 cheraschesi.
La mostra, curata da Flavio Russo, con importanti collaborazioni, sarà visitabile gratuitamente nelle domeniche 28 ottobre, 4 novembre, 11 novembre.
Lunedì 29 ottobre, alle 20,45, è prevista un'apertura straordinaria. Saranno presenti le autorità e i partecipanti all'Università popolare di Cherasco e Roreto. Tutti i cittadini possono prendere parte alla visita.

Le cerimonie per il 4 Novembre sul territorio di Cherasco inizieranno sabato 3 alle 19 con gli onori ai Caduti.

Domenica 4 novembre alle 10,15 adunanza davanti al Municipio. Il corteo, accompagnato dalla banda musicale “Mons. Calorio” si recherà alla chiesa parrocchiale di San Pietro per la Messa. Alle 11,30 in Municipio ci sarà lo scoprimento della lapide che ricorda i cheraschesi caduti nella Grande Guerra. Quindi la deposizione della corona d'alloro alla lapide dei partigiani, vittime civili e deportati di Cherasco. Si prosegue per piazza Vercellone per l'alzabandiera, deposizione corona d'alloro al Monumento ai caduti, allocuzioni.

Nelle frazioni di San Bartolomeo, Bricco, Cappellazzo, San Giovanni Sarmassa, Veglia giovedì 1° novembre i Caduti saranno ricordati nelle singole funzioni presso i cimiteri.

A Roreto la cerimonia sarà domenica 11 novembre: alle 9,45 alzabandiera e deposizione corona d'alloro al monumento ai Caduti, quindi la Messa nella chiesa parrocchiale.

«Quest'anno le cerimonie avranno un significato particolare – commenta Sergio Barbero, consigliere delegato alla Cultura – vista la ricorrenza del centenario della fine di quel drammatico periodo che fu la Prima Guerra Mondiale. È doveroso ricordare queste pagine di storia così dolorose e trasmetterle alle future generazioni: tanti giovani cheraschesi sono partiti dalle loro terre, lasciando le famiglie, e non vi hanno più fatto ritorno. Sono andati a combattere probabilmente senza neppure sapere contro chi, chiamati dal senso del dovere, dall'amore per la Patria. Questi uomini, la maggior parte giovani, hanno il loro nome inciso su una lapide. Ma non basta leggere l'elenco: dietro ogni nome c'è una storia, una mamma che ha pianto, una moglie che ha invano atteso, un paese che ha sacrificato le forze migliori. Anche la mostra in San Gregorio, che abbiamo fortemente voluto e per cui ringrazio Flavio Russo e i suoi collaboratori, vuole renderci un pezzo della nostra storia, una quotidianità drammatica che abbiamo dimenticato, uno spaccato che nessuno deve dimenticare».  

 



Cherasco, 19 ottobre 2018

Home - Comune di Cherasco - Via Vittorio Emanuele 79, 12062 Cherasco (CN) - PIVA 00478570047

Email URP: urp@comune.cherasco.cn.it - Posta Elettronica Certificata: cherasco@postemailcertificata.it

Email D.O.P.: matteo.odasso@outlook.com - Posta Elettronica Certificata D.P.O.: matteo.odasso@pec.it

Ulteriori Dati D.P.O.: Responsabile della protezione dei dati (D.P.O.) Dott. Matteo Odasso

Privacy Policy